19 Mar 2021

Hai mai pensato di mettere un recuperatore in una cabina di verniciatura?

Conosci le tante applicazioni in cui può essere usato un recuperatore?

Spesso queste sono poco conosciute, per questo motivo vorremmo iniziare una rubrica in cui vi proponiamo spazi in cui il recuperatore non è solo utile, ma necessario.

Iniziamo questa serie di articoli parlando di cabine di verniciatura.

Avete una cabina di verniciatura? Avete mai pensato di installare un recuperatore per controllarne i livelli di umidità? Ebbene, gli scambiatori di calore sono molto adatti a questa applicazione e vi possono aiutare molto nel vostro lavoro!

Il rischio di umidità relativa all’interno delle cabine di verniciatura

A partire dagli anni ’90, la normativa internazionale ha fornito una forte spinta nei confronti delle produzioni industriali per ridurre in maniera significativa l’immissione in ambiente di componenti organici volatili (VOC), di cui i processi di verniciatura sono una grande sorgente. La riduzione dell’inquinamento è stata perseguita sia introducendo innovazioni, sia nella formulazione dei prodotti vernicianti, sia nelle loro tecniche di applicazione. Per questo motivo i tradizionali prodotti verniciati a base di solventi sono stati sostituiti con nuove soluzioni, come vernici a base d’acqua, vernici in polvere oppure vernici cosiddette ad “alto solido”.
Questi prodotti richiedono maggiore attenzione durante l’applicazione per poter raggiungere lo stesso risultato di quelli tradizionali. Sono influenzati dalle condizioni dell’ambiente in cui si effettua l’applicazione e l’indurimento. In particolare, l’umidità relativa svolge un ruolo fondamentale nella stesura e reticolazione del film protettivo.

Un mancato rispetto dei corretti parametri dell’aria rischia di causare difetti superficiali, che richiedono attività aggiuntive di rilavorazione e ritocco, che allungano il processo produttivo e aggravano i costi.

L’umidità relativa dell’aria all’interno delle cabine di verniciatura svolge un ruolo cruciale nella qualità finale del rivestimento.
Deve essere sottoposta ad un controllo stringente se si vogliono ottenere con continuità i risultati richiesti dai clienti.
Screpolature, piccole bolle o crateri comparsi sulle parti verniciate possono essere causati proprio da un mancato controllo dell’umidità relativa.
Il trattamento dell’aria all’interno delle cabine di verniciatura è però il fattore di maggior consumo energetico dell’intero processo di verniciatura, e i sistemi di controllo dell’umidità relativa ne costituiscono una parte importante.
C’è quindi una sempre maggior attenzione da parte di clienti e costruttore degli impianti di verniciatura verso soluzioni più sostenibili, che utilizzano sistemi per il controllo dell’umidità garantendo alte performance con minimi sprechi di energia e risorse.

Le soluzioni di Recuperator

Recuperator propone ai suoi clienti due soluzioni utili per le cabine di verniciatura: la Serie A/B e la Serie F.

La differenza più grande è la geometria delle loro alette.

La Serie A/B, inoltre, ha una portata d’aria di 80.000 m³/h, mentre la Serie F di 100.000 m³/h. Sono caratterizzate entrambe da un’alta efficienza (fino all’80%) e da basse perdite di carico.

Serie A/B

Serie F

Per proteggere gli spazi in cui lavorate, risparmiare energia e salvaguardare la vostra salute, scegliete la qualità e la sicuerezza di Recuperator.

Noi vi consiglieremo sempre il modello più adatto a voi e alle vostre esigenze!